You are using an outdated version of Internet Explorer. For security reasons, as well as to ensure a better browsing experience, please upgrade your system to the latest official version.

Laura Claycomb Putting the color into coloratura

Biografia

redheadshot  Laura Claycomb, pluri premiato soprano di origini texane, è stabilmente affermata come una delle voci più interessanti della sua generazione grazie alla sua impeccabile musicalità, ai suoi acuti eterei, e alla sua eccellente presenza scenica e drammatica.

Regolarmente ospite delle maggiori opere e dei più importanti festival al mondo, si esibisce anche in Italia dove ha debuttato nel 1994, interpretando il ruolo di protagonista in La figlia del reggimento di Donizetti al Teatro Regio di Torino (con Bruno Campanella) e al Teatro dell’Opera di Roma (con Stefano Ranzani). Nel 1998, ha debuttato al Teatro alla Scala di Milano nel ruolo-titolo di Linda di Chamounix (Abbado/Fischer/Ranzani).

Ha poi riscosso un enorme successo anche al Teatro Verdi di Trieste interpretando ‘Ophelie’ nell’opera Hamlet di Thomas (Jean-Yves Ossonce), ‘Sophie’ in Der Rosenkavalier al Festival di Spoleto (Richard Hickox) e come solista in Christus am Ölberg di Beethoven con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Pinchas Steinberg). Laura Claycomb ha cantato in tre diverse edizioni del Festival del Sole di Cortona: nel 2004 per un recital con Roger Vignoles; nel 2007 per degli estratti da Giulio Cesare in una produzione con David Daniels, Le Concert D’Astrée ed Emmanuelle Haïm e nell’edizione del 2010 per il concerto di beneficenza “Twin Spirits” con il famoso cantante pop Sting e sua moglie l’attrice Trudy Styler, basato sulla storia di Clara e Robert Schumann.

Più recentemente, Laura Claycomb ha cantato in Italia il ruolo di ‘Cunegonde’ in un nuovo allestimento di “Candide” di Bernstein al Maggio Musicale Fiorentino, dove aveva già debuttato con la Quarta Sinfonia di Mahler e dove, più recentemente, ha cantato La Creazione con Zubin Mehta. L’abbiamo inoltre ammirata a Torino in una delle rare messe in scena di Carmina Burana al Teatro Regio (già cantata con tantissime orchestre sinfoniche nel mondo),  all’Auditorium RAI con il Kaddish di Bernstein, diretta da John Axelrod assieme all’attore Remo Girone, e al Festival MITO con Torino Vocalensemble nello Stabat Mater di Poulenc.

Laura Claycomb si è esibita con molte delle orchestre più prestigiose del mondo. Grande interprete delle Sinfonie di Mahler, avendo cantato come solista nella Seconda, Quarta e Ottava Sinfonia con l’Orchestra Sinfonica di San Francisco (Michael Tilson-Thomas), l’Orchestra Sinfonica di Londra (Andrew Davis), Fort Worth Symphony e l’Orchestra Giovanile Simón Bolívar del Venezuela (Claudio Abbado, Diego Matheuz). Con l’Orchestra Sinfonica di San Francisco e Michael Tilson Thomas ha effettuato due registrazioni, incidendo rispettivamente la Quarta e l’Ottava Sinfonia di Mahler e aggiudicandosi con quest’ultimo lavoro tre ‘Grammy Award’ nel 2009. Ha inoltre registrato la Quarta Sinfonia di Mahler con Valery Gergiev e l’Orchestra Sinfonica di Londra per LSO Live.

Tra i tanti grandi direttori d’orchestra con cui ha lavorato ricordiamo Pierre Boulez, Esa-Pekka Salonen, Rafael Frühbeck de Burgos, Claudio Abbado, Maurizio Benini, Daniel Oren, Richard Hickox, Emmanuelle Haim, Patrick Summers, Wladimir Jurowsky, Franz Welser-Möst, Bruno Campanella, Evalino Pidò, Ulf Schirmer, Yannick Nezet-Seguin, Christophe Rousset, Kazushi Ono, Harry Bicket, Emmanuel Villaume, Speranza Scappucci, John Axelrod, Theodor Currentsis, Pinchas Steinberg, Paavo Järvi, Roberto Abbado, Valery Gergiev, Sir Colin Davis e Sir Andrew Davis.

Laura Claycomb ha dimostrato la propria versatilità interpretando più di ottanta ruoli in opere di numerosi compositori, da Monteverdi a Bernstein, incluse alcune nuove opere di compositori contemporanei (è stata Hester Prynn in La Lettera Scarlatta di Lori Laitman e Queen Wealtheow nell’opera Grendel di Elliot Goldenthal).

Oltre a 3 Grammy Awards, Laura Claycomb ha vinto il Concorso Belvedere di Vienna nella categoria ‘Operetta’, il Premio Pegasus al Festival di Spoleto, il Premio Callas all’Opera di Dallas, il Concorso della National Opera Association Competition negli Stati Uniti e la ‘Medaglia d’Argento’ al Concorso Tchaikovsky di Mosca.

Laura Claycomb è molto impegnata nel fornire supporto alle giovani generazioni di cantanti lirici. È stata tra l’altro un consulente del Bolshoi Young Artist Program e del Centre for Operatic Studies di Sulmona.

Nata in Texas, Laura Claycomb si divide tra gli Stati Uniti e la sua casa torinese.


.

Guestbook

  • Hi Laura Hello from Singapore! Big fan of your technique videos and performances on Youtube. Been a singer for about

  • Hello Ms Claycomb, hope everything is well with you. i am Tata, live in Boston and study vocal. I found your v

  • Hi Laura, It has been great to find this. I have admired you since our days in NATS (I was in OK at OCU). I don't know i

  • Many thanks for thinking of me!! :-)

  • + Firma il Guestbook

Twitter:

@JoyceDiDonato Joyce, I must have been on another planet if I have missed hearing about this beautiful project! Wish I could see it! XOXOXO Toitoitoi!

Young Artists’ Corner

Ecco i miei consigli per gli aspiranti giovani artisti: per il mio primo masterclass anni fa, ho deciso di dire loro le cose che avrei voluto sapere appena uscita dal conservatorio. Questi consigli si sono moltiplicati con gli anni in queste pagine. Uscirà presto il libro, ma nel frattempo, trovate tanto da leggere qui

 » Young Artists Corner

© 2022 Laura Claycomb. All rights reserved. + For the Press